Sud: autostrade e treni, non inceneritori

Salvini ha rilanciato gli inceneritori in Campania.  Non mi sorprende visto che non ho mai creduto nell’interesse di Salvini per il Sud. E gli inceneritori sono un vecchio leit motive del centrodestra berlusconiano. La Lega salviniana, nonostante le apparenze, rimane il partito dei corrotti e del capitalismo rapace. Se ne frega (per dirlo come piacerebbe loro) sia dei polmoni sia delle infiltrazioni camorrisitiche. Piuttosto vorrei far notare che il tasso di raccolta differenziata in Campania procede bene. Non bisogna mollare su questo punto e anzi bisognerebbe migliorare nella vicina Puglia.

 

Il Sud avrebbe bisogno invece di migliorare di molto le proprio infrastrutture ferroviarie e austrodale. Guardate questa mappa:

autostrade-renzi

 

non vi sembra che manchino autostrade lungo la direzione est-ovest nel sud (ma anche nel centro italia)?

L’autostrada per andare in Basilicata è a dir poco vergognosa. Ci potrebbero fare un rally su alcune tratte. La vogliamo fare una 3 corsie tra Taranto-Potenza-Salerno ?

Ammetto di non esser stato in Calabria ma non credo che via una autostrada jonica a 3 corsie.

Annunci

Il problema è del Sud e delle sacche marginali

 

dimaio_salvini_renzi

Da qualche anno abito nel Nord Italia.  C’è abbastanza lavoro. Non è mai una passeggiata ma il lavoro c’è. I servizi pubblici funzionano(per mia fortuna non ho dovuto provare la Sanità).  La mentalità, forse perchè ho abitato in grandi città, pare aperta.  Chi è nato al Nord, poi ha il vantaggio di poter accumulare (denaro ed esperienze) fin da giovane. Un trentenne che vive con i suoi e lavoro da un paio di anni, potrà risparmiare 500-600 euro di stipendio mensile e quindi comprare auto e fare viaggi facilmente rispetto a chi si è trasferito.

Al Sud non è così. Devi lottare per ogni cosa. Trovare un lavoro è molto molto difficile. Ci sono lavoretti in nero. Senza contributi e, se hai un datore di lavoro, spesso ti offre condizioni capestro contando sulla grande disoccupazione.

Nei piccoli paesini appennini(realtà che conosco) la mentalità poi non è cosi aperta. Si parli di omosessualità ma anche di maschi beta/alfa.

Immagino che per le comunità di immigrati nelle nostra città , da nord a sud, avvenga lo stesso.

Immagino che le sacche marginali (malati, ex carcerati, …) abbiano  difficoltà ancor maggiori.

C’è quindi da risolvere il problema che non è quello della ricca società borghese ma quello delle marginalità di vario livello (un malato grave non è allo stesso livello di un giovane meridionale che deve emigrare).

Le forze politiche sembrano trascurare quando possa pesare quell’11% di disoccupazione, il gap tra sud e nord, tra campana e città, tra malattia e benessere.

Le nostre elites politiche corteggiano nuclei già forti: burocrazie pubbliche, finanzieri, chiesa, …

Giuditta e Oloferne

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Il tema di Giuditta e Oloferne è stato molto rappresentato nella storia dell’arte.

Mi chiedo il perchè.

La Giuditta che va nell’accampamento nemico non è il giovane Davide che affronta a viso aperto il Golia più grande ma è una donna che inganna e ubriaca l’avversario uccidendolo a tradimento.

Giuditta è più simile ad una spia.

Dove è quindi l’ammirazione ?    E’ la donna conforme agli ideali evangelici?  ho i miei seri dubbi.

E’ una donna che forse noi vorremmo avere come alleata ma sarebbe una sciagura averla come avversaria perchè vincerebbe, spietata, tradendo la fiducia.

C’è una vena di eccitazione masochistica negli artisti che hanno dipinti i quadri?  Forse in Giorgione (perchè il piede sulla testa?) e Cranach il vecchio vi è.

Di certo vi è in Klimt che forse interpreta meglio l’uomo moderno nel quadro. Altro che valori evangelici.  Spia e femme fatale tutto quel che ne consegue.

Due pensierini a seguito:

  1. Oloferne avrebbe potuta salvarsi se avesse seguito la disciplina. La donna distruttrice si insinua laddove l’uomo indebolisce i propri valori
  2. Per sempre, i due sono fissati in quell’attimo. Oloferne può essere stato un militare valoroso, un padre esemplare, un protettore di poveri e artisti ma lui sarà sempre ricordato in quel modo e non vi sarà nessun riscatto.  E’ molto strano pensare alla fissità e all’irripetibilità dei nostri gesti nel tempo.

La QM rossa ha trovato un referente politico?

 

risorgimento_socialista

Ho scoperto che esiste un ottimo dialogo tra Uomini Beta e Risorgimento Socialista, formazione di ispirazione socialista facente parte di Potere al Popolo.

Sono molto contento di questo. Finalmente una formazione politica di sinistra non si vergogna di dialogare con un MoMas.

Pur non condividendo tutto di Marchi né su QM né su politica in generale (io ad esempio nutro molto simpatia per Israele) sono felice di questo dialogo. E’ una garanzia che le voci MoMas saranno ascoltate anche a Sinistra.

Ah piccola nota: anche io sono parte di RS. Ben prima di sapere della convergenza di Marchi.

Penso che in questa Italia dominata dalle destre, una formazione politica che riporti al centro il discorso del LAVORO sia fondamentale.  Vedremo … se son rose fioriranno 🙂

 

Omaggio al coraggio di essere se stessi

mariasilvia-spolato

contento di aver sostenuto la libertà di vivere le loro preferenze per gli omosessuali.

Questa di Mariasilvia Spolato è una storia che non conoscevo e che mostra come il pregiudizio possa sovvertire una vita.  Una vergogna che le istituzioni invece di esserle vicine, ne aggravarono di molto la situazione.

Gli amici della QM che tanto predicano un ritorno ai “valori di una volta” dovrebbero stare attenti a che questi casi non si perpetrino.