elezioni amministrative 26 gennaio

 

Si avvicinano le elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria.

E’ una data importante soprattutto per il futuro della Lega.

Se vincerà in Emilia Romagna proseguirà la marcia trionfale in attesa (attesa ancora lunga) delle elezioni politiche.

Se invece perdesse queste elezioni, credo che per la Lega sarebbe una Stalingrado.

Una botta di arresto (su un terreno difficile ma non impossibile, comunque del nord) mentre l’alleata Giorgia Meloni cresce e il  PD+MS5 è al governo.  Con un Renzi che si barcamena e che avrebbe ancora speranza non avendo il risultato a breve.

Devo dire che la voglia di vedere il sistema delle coop rosse sconfitte mi solletica ma razionalmente l’Emilia Romagna è una regione gestita bene e non vale la pena rischiare di mandare a rotoli una buona regione per sconfiggere gli ex PCI e il loro sistema di affari.

In più considero la Lega l’avversario numero uno. E non da ora ma da tangentopoli.

Quindi mi auguro che il candidato del centrosinistra ce la faccia alla presidenza e mi auguro un buon successo delle liste di sinistra rossa.

In Campania, dove sono residente, io mi sto orientando a fare il voto disgiunto e a  votare (turandomi parecchio il naso) Vincendo DeLuca e a dare invece il voto di lista al partito comunista di Rizzo oppure a Potere al Popolo (componente Risorgimento Socialista).

Spero che altri facciano come me in queste elezioni regionali in Emilia Romagna

carcerati dimenticati

 

agenzia_fo_67697642

 

Gli uomini sono la maggioranza dei paria della nostra società.

Tra i paria esistono i carcerati.

Sulla dubbia utilità del carcere spesso si scrive in ambito liberal.

E in effetti esistenzialmente e anche praticamente spesso è inutile.

Talvolta penso però serve per spaventare.  Talvolta penso che anche chi ha subito il torto ha diritto di vedere punito il colpevole.

Questo tuttavia non deve far dimenticare che esistono:

Carcere. Sovraffollamento, suicidi, aggressioni: l’allarme del Garante dei detenuti
Negli istituti quasi il 30% in più dei posti disponibili. Quasi 10 mila in attesa di primo giudizio. Picco di suicidi nel 2019: 53 tra i detenuti e 9 tra gli agenti. Da inizio anno già 41 aggressioni

Sovraffollamento (ma cazzo fare qualche carcere in piu?), suicidi, malattie….

(nell’articolo è citato il 41 bis.  io rimango favorevole)

violenza sulle donne a sanremo ?

Solo ora mi è capitata davanti questa notizia:

Violenza su donne: Fedeli, ‘bene Jebreal su portare tema a Sanremo’

Nulla in contrario che si parli di un tema di attualità a Sanremo che sia la disoccupazione o la violenza o la guerra.

Quello che vorrei far notare è che Sanremo non è certamente il festival dell’innovazione e del politicamente di nicchia. E’ nazionalpopolare.

Una cosa arrivata a Sanremo è una cosa ben accettata dalle elites e pronta ad essere propinata al popolo (o anche il contrario ?)

Il fatto che si parli di violenza sulle donne a Sanremo significa che ormai il tema è accettato e chi si finge progressista (in realtà i veri progressisti siamo noi anti-femminista di sinistra che abbiamo superato il femminismo inserendo nel dibattito anche gli uomini) si sente forte e moderno nel parlarne.

 

Milano, 28 aggredito con spray al peperoncino e acido da una donna

 

 05 gennaio 2020″Era strana” e non “gli piaceva”. Così il giovane di 28 anni – agli investigatori – qualche ora dopo essere stato aggredito con lo spray al peperoncino e l’acido da una donna che aveva conosciuto da poco, subito rintracciata dalle forze dell’ordine. Si erano conosciuti attraverso un sito di incontri e si erano frequentati qualche volta. Ma lui,16 anni in meno di lei, aveva deciso di chiudere. Una decisione che ha provocato la reazione di lei: ieri mattina poco dopo le 11, in piazza Gae Aulenti, nel quartiere chic di Porta Nuova, a Milano, pare dopo una colluttazione, lo ha aggredito e gli ha lanciato in faccia un liquido fatto di acido e peperoncino facendolo finire all’ospedale Fatebenefratelli in gravi condizioni. Per la vicenda, che come sottolineano gli inquirenti non ha nulla a che vedere con le aggressioni con l’acido per cui sono stati condannati Alexander Boetcher e Martina Levato, la Procura di Milano ha sottoposto la donna a fermo, una 44enne, rintracciata e identificata a Genova dai carabinieri mentre stava scappando e ora in una caserma della città ligure. Il pm di turno Alessia Menegazzo e il procuratore aggiunto Letizia Mannella, che stanno scrivendo il provvedimento, hanno contestato lo stalking e anche un reato contemplato dall’entrata in vigore del cosiddetto ‘Codice Rosso’ (art. 583 quinquies) che condanna gli autori di lesioni personali che provocano la “la deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso”. Infatti, dopo l’aggressione l’uomo è stato ricoverato all’ospedale milanese e i medici gli hanno diagnosticato ustioni di primo grado al volto, di secondo grado al collo e bruciori a un occhio. Dalle prime ricostruzioni la 44enne, senza lavoro, avrebbe precedenti specifici per stalking. In corso le analisi di laboratorio sul liquido gettato sul volto del 28enne. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Aggredito-con-acido-a-Milano-verso-provvedimento-fermo-donna-9372e73d-f96b-47ec-9fe3-999b2e4c4bb5.html

dare una scossa positiva all’economia

dal sito ISTAT:

Nel 2019, il prodotto interno lordo (Pil) è previsto aumentare dello 0,2% in termini reali, in deciso rallentamento rispetto all’anno precedente. La crescita del Pil risulterebbe in lieve accelerazione nel 2020 (+0,6%)

 

io continuo a pensare che il piu grande e generale problema di questo Paese sia la mancata crescita economica.

Certo, se uno è gay la sua priorità può essere l’omofobia, se si han figli allora può essere la mancanza di asili, se si è malati quella della malasanità… ma generalmente ai primi posti per tutti vi è l’economia.

Se l’economia non gira, non ci sono soldi per far girare il resto.

Sarebbe bello vivere in un mondo dove i soldi non contano ma oggi contano e per essere forti e poter fare quelle riforme sociali che occorrono bisogna potenziare la crescita economia.

Non si va da nessuna parte con una crescita dello zero qualcosa e una disoccupazione del 10%.

due politici e due ipocrisie

 

Mi sono capitati davanti questi due video di due politici italiani:  Cremaschi e Salvini.

Nel video di Cremaschi si sente di sottofondo “tutti liberi, tutte libere”… e che palle! sembra di essere a Wimbledon dove ogni minoranza deve essere rappresentata con il bilancino. Ma Wimbledon non è lotta di classe ma un evento ludico gestito dalla perbeniste classe alta britannica.  Che senso ha durante una manifestazione di contestazione (giusta o sbagliata) dover moderarsi secondo i principi del direttorio femminista?

Comunque complimenti a Cremaschi e a quei compagni che hanno passato il capodanno in questo modo. Molto più borghese il compleanno diSalvini che in questo video prende in giro il papa. Ora non è il primo video o foto dalle vacanze di Salvini.  Ricordate la vacanza a Ischia con la bella Isoardi ? Ebbene la stranezza dei suoi sostenitori con la bava alla bocca è che quando si parla di politici di sinistra sarebbero subito pronto ad additare il tenore di vita superiore alla media invece con Salvini non lo fanno. Eppure è evidente che Salvini abbia un tenore di vita non da poveraccio (beato lui ma beati anche i progressisti ricchi).  Anzi magari c’è  una non celata ammirazione per quel furbetto che con i soldi pubblici fa la bella vita da 20 anni,  facendo settimane bianche e trombando starlettine.  Doppiopesismo.