Salva RadioRadicale (per un po’)

rw4dtoqi_400x400

Apprendo che Radio Radicale è salva  (credo molto meno a che il governo salti su una questione da pochi milioni di euro) .

RadioRadicale è una fautrice del politicamente corretto e del liberismo (con il culo degli altri, come si conviene ad ogni liberista).

Però RadioRadicale  è anche una emittente che spesso e volentieri dà voce a forze politiche che non sono ancora in auge (ha seguito ad esempio il congresso di Risorgimento Socialista) e a istanze che non sono ancora istituzionalizzate (la droga ma anche dibattiti sul diritto di famiglia, anche favorevole al QM).

E’ quindi un elemento non perfettamente integrato nel sistema oppressivo, pur evidentemente non essendone nemico.  Rappresenta però una breccia.

Sono quindi felice che sia stata salvata.

Pochi milioni di euro per il bilancio statale sono nulla.  Per una volta lo dico anche io: lo spreco risiede “altrove” . Tagliare un Bruno Vespa che sta sempre con il piu forte o tagliare qualche altro mega dirigente RAI fancazzista porterebbe già al risparmio sufficiente per coprire quella spesa.

Annunci

Anche i pulcini maschi non se la passano bene

La Natura è crudele con gli animale. E’ crudele in particolare con i maschi su cui spesso si attua la selezione.

Ma l’uomo non è da meno, almeno nel settore agricolo.

Vi siete mai chiesti che fine fanno gli animali maschi che non sono utili per la produzione di latte o uova?

beh…   In Germania i pulcini maschi continueranno a morire

John Wick – recensione

johnWick

Nell’arco di poche settimane ho visto  i 3 (finora) capitoli della saga. Devo dire che mi è piaciuto molto. Il primo è splendido.  Assolutamente allucinante: tutto accade per un cane. Questo John Wick una scheggia impazzita 😀

Tantissima azione (non fate funzionare troppo il cervello… pensate a Rocky che para i pugni con la faccia …ecco quello è il livello di realtà) in tutti e tre i film.

Bello lo scenario, l’idea del Continental.

Il primo è impeccabile. Peccato solo che uccidano il cecchino.

Il secondo magari pecca un po’ troppo nel finale ma comunque è notevole. Scamarcio non mi aggrada tanto come camorrista. Invece nelle pochissime scene che in cui è presente promuova la Gerini. Anche se io la vedevo più come boss della ndrangheta che della camorra.

Il terzo è fatto meglio del secondo. Ci sono cose che non ho capito come il Reggente e non è che mi aggrada troppo la figura di Halle Barry ma alcuni personaggi sono davvero ben caratterizzati come la giudicatrice,  il portiere dell’albergo (che finalmente dimostra) e un paio di orientali. L’avversario finale è simpatico, fa quasi tenerezza.  La coppia ricorda molto gli avversari finali di un altro bellissimo film di azione: l’indonesiano the raid.

Devo dire che il re dei poveri, interpretato da non-ricordo-il-nome è invece l’unico personaggio che non gradisco.

Comunque consiglio la visione di tutti e tre i capitoli della saga.

Dividere i campi: professione e libertà di pensiero

 

alain-delon

Intorno alle polemiche delle femministe e del politicamente corretto sulla premiazione di Alain Delon, la direzione del festival ha risposto:

“Non daremo ad Alain Delon il premio Nobel per la pace. Gli daremo una Palma d’Oro per la sua carriera come attore”.

Ecco, questa risposta di Freamux è molto intelligente. Le opinioni personale possono essere espresse (c’è libertà di pensiero e parola altrimenti cosa ci distingue dai regimi totalitari nazifascisti, comunisti e teocratici?)  e le opinioni di una persona non devono influire sul riconoscimento dei meriti professionali e sociali di quella persona.

 

L’ articolo sulle polemiche intorno alla premiazione di Alain Delon

«Nazionalizzare le aziende dell’auto»

Leggo questo titolo e devo dire che mi affascina.

Non sono contrario all’iniziativa privata (anzi) ma desidero che quasi tutte le maggiori aziende siano in mano dello Stato (e magari di alleanza di Stati come la italo-francese ST microelettronics).

Del resto per quanti soldi lo Stato ha buttato dietro alla Fiat, se la sarebbe potuta comprare.

Poste, Eni, Enel sono già realtà statali e pare vadano discretamente.

Aggiungervi la FCA e un’industria di telecomunicazioni non sarebbe male.

Ai privati, sotto forma di singoli o cooperative, le medie e le piccole aziende.

Ma vabbe….. sono solo desideri.