No al sostegno al golpista Guaidò

 

harina_panGli USA e molti Stati europei stanno facendo un’inaccettabile ingerenza negli affari del popolo venezuelano.

Io non sono un simpatizzante chavista e sono anche sentimentalmente legato alla comunità italo-venezuelana (che non ha in molta stima Chavez, almeno nelle mie conoscenze)

ma questo tentativo di sottomettere uno Stato sovrano bloccandone le risorse esterne e appoggiando un tizio che una mattina si alza e si proclama presidente (la stessa opposizione venezuelana non lo riconosce) non ha alcun senso se non quello di volersi impossessare del petrolio venezuelana.

Segnalo purtroppo che in Italia, persino il PSI nenciniano sta sostenendo Guaidò. Non voglio fare paragone tra Maduro e Allende ma insomma…. il PSI sembra aver dimenticato tutta la sua storia.

Vedremo quel ches succederà.

 

TELE SUR

AURORASITO

COMITATO ITALIA-VENEZUELA BOLIVARIANA

Annunci

La Lega e il sacco del Nord

polpette-avvelenate-2-2

Inutile ribadire che l’unità italiana si è fondata fin dall’inizio su un insieme di regole e scelte economiche che hanno favorito il nord italia rispetto al sud italia, consentendo al prima di diventare pari alle regioni del nord europa e sottraendo possibilità all’altro spedendolo al pari delle regioni balcaniche.

Con la Lega di Bossi al governo, questo tendenza si era fatta ancora piu’ esplicita.

E con Salvini  ?  beh Salvini si è fatto fregare dal movimento 5 stelle sembra. Dove colpirà infatti il taglio delle pensioni d’oro ?  Ecco una grafica che ben illustra(il verde piu’ scuro è dove sono meno presenti pensioni d’oro) la situazione attuale.  Come  sottolinea l’articolo ad eccezione di Roma, le pensioni d’oro sono concentrate soprattutto al Nord. Con un taglio dell’8% Milano perderebbe 80 milioni  circa (come Roma), Torino 37 milioni, Bologna 13 e finalmente la prima del Sud Napoli con 10 milioni.  Vicenza e Verona con 5 milioni e 7 milioni metterebbero sul piatto  più della più popolosa Napoli. Come si dice…. prendetelo nel culo votanti legaioli(di merda)!  A questi soldi si devono aggiungere i soldi delle pensioni medie, anche queste ovviamente più diffuse al Nord che al Sud.

E se la nuova tassazione per le partita iva andrà a favore del Nord,  il reddito di cittadinanza andrà a favore soprattutto di Sicilia e Campania. Pare circa il 50% andrà a favore dell’Italia meridionale.  Insomma Salvini è così stupido che è riuscito a fare qualcosa che nessuno aveva mai fatto prima: togliere al Nord per dare al Sud!

Ma che c’è da aspettarsi da un partito che si candida ad una provincia mettendo la foto di un’altra provincia ? 😀

Si, ovviamente si potrebbe dire “eh il PD?”  e io potrei rispondere: me ne fotto del PD ma sarò buono 🙂   e risponderò?  il PD viene accusato di aver fatto sparire i soldi dei terremotati, proprio come è accusata (dalla magistratura, non da Facebook) la Lega

Il PD viene accusato di aver di aver dato soldi alle banche per salvare ad esempio la senese MPS, proprio come la Lega(e M5S) che hanno dato soldi alle banche per salvare la ligure Carige

Insomma…. di che stiamo parlando ?  volete continuare a votare Lega ? votatela ma dite che la votate perchè quel cafone di Salvini vi sta piu’ simpatico che quel bimbominkia di Renzi e non per vere ragioni politiche.

Creed II : dai padri ai figli

creed-ii

Quella di Creed II è una americanata. Stallone ha preso Rocky 3 e Rocky 4 li ha miscelati e ha tratto questo Creed II.

L’unica lettura interessante è quella che vede il rapporto padre figlio.

Rocky che non vede piu’ il figlio da tempo,  Adonis con il padre defunto e leggendario e con sua figlia appena nata, soprattutto Ivan Drago con il figlio Victor Drago.

Ridicolo è presentare l’avversario come scarsamente corretto.

Bello invece il gesto di Ivan Drago alla fine che riscatta un film mediocre.

Bello anche pensare che nonostante l’inevitabile sconfitta,  stavolta i Drago abbiamo messo da parte un po’ di soldini.  Senza dubbio, a me i due personaggi russi risultano i più simpatici dell’intero film.

+Europa e il casino del congresso

logo-1+Europa sta andando al congresso.

Ci sta andando senza la faccia che più mi piaceva nei radicali, oltre Pannella si intenda, quella di Mario Staderini che non ha aderito alla formazione.

Al Congresso di +Europa si è vista un po’ della malsana politica:

Improssivamente sono comparse molte tessere, stile partito Prima Repubblica. Tessere pare imputabili a Tabacci Tabacci, come Emma Bonino, sostiene la candidatura di DellaVedova

Poi è comparso addirittura un candidato sovranista, simpatizzante delle destre e di Salvini

Il partito della Bonino insomma fa gola. Forse, con la crisi del PD, riuscirà a raggiungere il 4% alle europee e tutti vogliono papparselo.

La candidatura di Cappato sembra quella più radicale. Nel senso che vedrebbe il partito meno legato all’establishment di potere e filo-montiano. Per questo mi auguro che vinca. Anche perchè Cappato ha l’aspetto di un politico pulito (come può esserlo un politico), seppur fighettino e circondato da fighettini come gli altri.

Di interesse anche le liste candidate. Tra le quali cito:   Lista n.7 – PiùEuropa Shitposting

divertente 😀

PaP, le elezioni europee e la questione di genere

2019_01_05_elezioni_pap
Ho letto le tesi di PaP per le elezioni europee.
Sono in gran parte condivisibili.
I trattati europei oggi sono dei vincoli troppo stretti per il bene dei cittadini, specie di quelli delle aree meno sviluppati e vanno rivisti.
Le spese militari sono ingenti. Nel mondo interconnesso nessuna tra le grandi potenze ha interesse a far guerra con le altre. Probabilmente si gioca tutto sui Servizi Segreti.
Condivido pienamente la denuncia dell’inganno tra la scelta liberista globalista e quella dei capitalismi nazionalisti.
Il punto 4 è quello della questione di genere e del riconoscimento del femminismo. Rimango perplesso in merito. In Europa le donne hanno piena dignità. Basta guardare che Germania e UK sono guidate da donne. Una lotta sulle priorità delle donne dovrebbe semmai essere combattuta nei Paesi musulmani o magari in Africa ma in Europa mi sembra abbastanza fuorviante questa priorità.

Produzione industriale e governi

Giusto per capire: questo è il grafico della produzione industriale italiana.  Le manovre economiche si fanno a fine anno anche se un governo già emana provvedimenti prima quindi le politiche di governo sono un po’ sfasate rispetto all’insediamento, sfasate di alcuni mesi fino anche ad un anno. Detto questo: Il governo Monti dura dal nov 2011 al dic 2012. Letta governa dall’aprile 2013 al febbraio 2014. Renzi dal febbraio 2014 al dicembre 2016. Gentiloni dal dicembre 2016 al marzo 2018. Da marzo 2018 si ha il governo penta-leghista di Conte. Si traggano le conseguenze.

 

prod-ind2017novembre1

ma questi cali sono ben poca rispetto alla grande crisi del 2008-2009 che non abbiamo ancora recuperato:

 

produzione-industriale-2014-1038x647