Perché non sei sposata

da huffington post

Vuoi sposarti, ci vuole un po’ per ammetterlo. Ma dirlo forte e chiaro (anche nella tua testa) suona un po’ disperato, poco femminista, poco da te. Perché tu non sei come quelle ragazze nei reality in cerca del perfetto abito da sposa e non ti contenderesti mai un uomo come quelle povere aspiranti attrici di “The Bachelor”.

Non hai mai sognato una scatolina per anelli color acquamarina.

Poi è successo qualcosa. Forse è stato un altro compleanno passato, una rottura, il matrimonio di tuo fratello. La sua futura sposa che ti ha chiesto di fare da damigella e all’improvviso ti sei ritrovata a chiederti come diavolo sei arrivata ad essere una donna di 36 anni, che percorre una navata indossando qualcosa di decoroso rimediato da J. Crew, ma che avrebbe tranquillamente sostituito con un paio di stivali carini e un giubbino di jeans. Cominci ad odiare la sposa (così felice) e, per la prima volta in vita tua, inizi a provare sentimenti contrastanti per la tua condizione di nubile. Non ti è mai importato molto prima. Ma d’improvviso (da un giorno all’altro) ti sei ritrovata ad avere dubbi… Respira, respira profondamente… Perché non sei sposata?!

Bene, io so perché.

Come? Beh, si riduce tutto a questo: sono stata sposata tre volte. Sì, tre. A 19 anni, ho sposato uno studente molto carino. A 32, sono diventata la moglie del figlio molto carino di un ministro (e sono rimasta incinta). A 40 anni ho sposato un bugiardo traditore, molto carino anche lui, che era esattamente come mio padre, se mio padre avesse frequentato Harvard invece di passare svariati periodi nella prigione federale.

Per qualche oscuro motivo, sono nata sapendo già “come” sposarmi. Essere cresciuta in affidamento ha fatto la sua parte. Il bisogno di sicurezza mi faceva sempre cercare delle caratteristiche precise negli uomini che frequentavo, caratteristiche che ben presto si traducevano in matrimoni. Senza neanche provarci, sono diventata una specie di avvocato penitenziario delle relazioni, qualcuno che ha dovuto lavorare così tanto sul suo caso che ora può aiutare gli altri.

Ma non mentirò. Il problema non sono gli uomini, sei tu. Certo, ci sono degli uomini insopportabili in giro, ma non è detto che tu debba incrociarli per forza. Perché il punto è questo: se quello che stai facendo ora, qualsiasi cosa sia, fosse stato destinato a condurti all’altare, avresti già un anello al dito. Quindi senza ulteriori indugi, diamo un’occhiata ai sei motivi principali per cui non sei sposata.

1. Sei una stronza.
Ecco cosa intendo per stronza: sei arrabbiata. Probabilmente non la pensi così. Pensi di essere super intelligente o, se sei andata da un analista, pensi che sia giusto tracciare delle linee di confine. Ma la verità è che sei incazzata. Con tua madre, con Sarah Palin, con il sistema. E questo spaventa gli uomini.
Il punto è che la maggior parte degli uomini vuole sposare una donna che sia dolce con loro. Sono madre di un ragazzo di 13 anni, praticamente vivo con la versione protozoica unicellulare di un marito. Ecco cosa vuole mio figlio dalla vita: pasta al formaggio, un video game e Kim Kardashian. Avete mai visto la Kardashian arrabbiata? Non credo. L’avrete vista, Kim, intenta a sorridere, sculettare e girare video hard. L’ira femminile terrorizza gli uomini. So che sembra ingiusto il fatto di dover eludere le paure e le insicurezze di un uomo per potersi sposare ma, in verità, funziona alla grande. D’altra parte cercare di aggirare i timori e l’insicurezza di un uomo sarà uno dei tuoi compiti principali come moglie.

2. Sei superficiale.
Quando si tratta di scegliersi un marito, c’è una sola cosa che conta davvero: il carattere. Quindi è giusto dire che l’indole di un uomo dovrebbe essere in cima alla lista delle tue priorità, vero? Ma se non sei sposata, so già che non è così. Perché se stai cercando un uomo di carattere, lo avresti già trovato. Gli uomini di carattere per definizione sono disposti ad impegnarsi.
Invece tu stai cercando un tipo alto. O ricco. O qualcuno che sappia cos’è una sedia Eames. Mi dispiace, ma questo non è un approccio da moglie. È un modo di pensare degno di un’adolescente. E gli uomini di carattere non vogliono sposare delle ragazzine. Anche perché le ragazzine non sono mai felici e, inoltre, non vogliono mai cucinare.

3. Sei una sgualdrina.
Andare a letto con un tipo sexy, in una vasca idromassaggio, su un tetto può andare bene per le ragazze di Jersey Shore, ma loro non stanno cercando di sposarsi. Tu sì. Questo significa che se fai sesso occasionale, dovrai smettere. Perché? Perché dopo una certa età, il sesso occasionale è come assumere eroina a scopo ricreativo, ben presto finisce tutto lo sballo.

Questo è dovuto in parte a una cosina chiamata ossitocina. Si tratta di un ormone che viene rilasciato da una donna quando allatta e quando ha un orgasmo, che incasinerà le tue avventure di una sera. Puoi essere la trombamica di un tizio, che non è neanche così tanto bravo, e subito dopo puoi ritrovarti completamente dipendente da lui. Senza sapere come sia successo. È tutta colpa dell’ossitocina. E dal momento che la natura non fa differenze tra potenziali mariti e Charlie Sheen, sarà meglio che cominci ad essere molto più selettiva.

4. Sei una bugiarda.
Di solito va più o meno così: incontri un ragazzo dolce a cui piaci molto, ma che non è libero per una relazione seria. C’è qualche ostacolo che glielo impedisce, forse è sposato, oppure gira per la città su uno skateboard. Oppure semplicemente è uscito allo scoperto, dicendo qualcosa di criptico ed aperto a diverse intepretazioni come: “Non sono proprio disponibile per una relazione, adesso”.
Sai che se gli dicessi la verità (che sei pronta per il matrimonio) non ti chiamerebbe più. Dal momento stesso della tua rivelazione. E tu non vuoi che accada, così gli dici che per te va benissimo perché vuoi solo fare sesso e divertirti. Adori il sesso disimpegnato. E non vuoi assolutamente iniziare una relazione! Addirittura lo giuri!

Circa dieci minuti dopo, arriva l’effetto dell’ossitocina. Inizi a volere di piu, ma non glielo dici. Ecco il tuo segreto (condiviso tra te e altre 22.000 delle tue amiche più care). Anzi, continui a frequentarlo, fai sesso con lui, aspettando il momento in cui capirà che non può vivere senza di te. Ho una notizia: non lo capirà mai. Sa già che può tranquillamente vivere senza di te. E lo sai anche tu. Altrimenti non avresti mentito, la prima volta.

5. Sei egoista.
Se non sei sposata, probabilmente pensi molto a te stessa. Pensi alle tue cosce, al tuo outift, alle rughette intorno alle labbra. Pensi alla tua carriera, e se non ne hai una, pensi di studiare per diventare insegnante di yoga. A volte pensi che sposare un ragazzo benestante (o almeno un tizio con un ottimo lavoro) possa risolvere tutti i tuoi problemi.

Tuttavia, una buone moglie, anche una moglie a malapena decente, non passa la giornata a pensare a se stessa. Ha troppe cose da fare, soprattutto se ha figli. Ecco perché vedi molte celebrità donne sposarsi dopo aver adottato dei figli. I bambini mettono le donne in allarme: “Hey, stronzetta, ciao! Non ruota più tutto intorno a te”. Dopo un paio di anni spesi a pensare ad un altro essere umano, all’improvviso, spuntano Brad Pitt e Harrison Ford a fare da anime gemelle. Tutto questo per dire anche un’altra cosa: se quello che desideri davvero è avere un bambino, corri a prendertelo. Poco dopo, salterà fuori anche un marito. La maternità ha il potere di eliminare i “Don Giovanni”.

6. Non sei abbastanza.
Non sono io a pensarlo, sei tu. Lo capisco dal fatto che non stai cercando un partner che sia come te. Vuoi qualcuno che sia migliore di te: più bello, con una famiglia migliore della tua, un lavoro più soddisfacente.

Ecco cosa devi sapere. Sei abbastanza, proprio adesso. Punto. Non accettarlo è di ostacolo ad un possibile matrimonio, perché le donne che non sono consapevoli del proprio valore diventano mogli terribili. Perché? Puoi fingere per un po’, ma alla fine non amerai il tuo sposo più di quanto non ami te stessa. E gli uomini intelligenti lo sanno.

Lo vedo nella scuola progressista di mio figlio. Su 183 ragazzi, forse solo sei possono dire di avere delle madri davvero così carine come tu ti sforzi di apparire. Sono sicuramente attraenti, ma non sono oggetti. I loro mariti le hanno (saggiamente) scelte per la loro indole, non per la taglia di reggiseno.
Bene, era la brutta notizia. La buona notizia è che credo che ogni donna che lo vuole davvero possa trovare un partner ideale. Devi solo liberarti dall’idea che il matrimonio ti renderà felice. Non sarà così. Una volta passata l’euforia iniziale, tu sarai solo te stessa con più vestiti da lavare.

Perché, alla fine dei conti, il matrimonio non significa pretendere, ma dare. Stranamente, gli uomini lo capiscono meglio di noi. Forse perché per loro il matrimonio significa anche sacrificare ciò che hanno di più caro (un pene indipendente) e per noi rappresenta il lieto fine di una fantasia da favola talmente radicata da aver dato vita a Disneyland.

Morale della favola: il matrimonio è solo un’opportunità a lungo termine, da nutrire amando qualcuno anche quando non se lo merita. Perché la maggior parte delle volte il tuo uomo (disordinato, mangione e amante delle flatulenze) non farà esattamente quello che ti aspetti da lui. Ma se lo amerai in ogni caso (perché hai deciso di trasformati in una persona che si impegna ad essere gentile, profonda, virtuosa, fidata, generosa e, soprattutto, disposta ad accettare se stessa) capirai che stai vivendo l’unica cosa che hai sempre desiderato:
L’amore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...