dal sovraffolamento carceriario alla dispersione scolastica

mentre le femministe si lamentano perchè le donne (traduzione: loro) non riescono ad egemonizzare le più alte cariche delle strutture pubbliche e delle aziende,

nessuno del main stream ricorda che se gli uomini occupano la maggior parte dei posti di potere

occupano anche la maggior parte dei reietti della società.
barboni e carcerati sono soprattutto uomini.
soprattutto uomini sono i suicidi
soprattutto uomini sono gli affetti da dipedenze.

per costoro non vi è ricordo.

se il sovraffollamento carceraria è stato quasi risolto e per questo va ringraziata la tanto vituperata Unione Europea che ha costretto l’Italia a prendere povvedimenti, il ministro Orlando che li ha presi materialmente e un grazie anche ai Radicali che hanno tenuta viva l’attenzione sul problema.
ovviamente il problema della giusta pena (che prevede anche di metter in galera i tanti che vi sfuggono), del reinserimento sociale (difficile anche per chi non è in galera con il nostro livello di welfare e disoccupazione) e del trattamento quando si è in stato di detenzione (e qui un grazie doveroso alla associazioni, in particolari cattoliche, che si occupano di detenuti) è ben lontano da essere risolto.

bisogna continuare a tenere alta la vigilanza

ma non bisogna dimenticare quello che è una delle fonti dell’arretramento socio-culturale che porta in galera ed a sua volta è casuata da questa: l’abbandono scolastico che nel nostro Paese è ben oltre il 10% previsto dall’Europa per il 2020 (altre sanzioni in arrivo?)

(cliccare su foto per fonte dati con foto grandi)

una situazione che riguarda, come spesso succedere, più frequentemente il Sud Italia ma che non è esclusivamente meridionale.
e riguarda ovviamente gli uomini:

questo è un tema su cui governo nazionale e regionali possono intervenire decisamente.
se difficile infatti è cambiare in un anno o l’altro l’economia di un Paese, certametne più facile è invogliare studenti e famiglia a finire quantomeno le superiori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...