(recensione) Le vite degli altri


ieri sera ho visto “le vite degli altri“.
bel film. lo consiglio.
sulla repubblica democratica tedesca, quella comunista insomma.
devo fare un po’ di spoiler per fare il mio commento.
stavo pensando che la morte della attrice, compagna del regista teatrale, non sarebbe avvenuta se l’agente della STASI non avesse deciso di aiutare il regista.
infatti quest’ultimo aveva provato se vi erano dei microfoni facendo una dichiarazione su una presunta fuga di un suo amico verso la germania occidentale. non riscontrando il blocco della polizia, si era andato all’attività clandestina a casa sua.
se l’agente della STATI non lo avesse coperto tacendo della dichiarazione, la polizia sarebbe intervenuta (non trovando nulla) e mettendo in guarda il regista che sarebbe stato molto più prudente.
è strano: un atto buono, che è percepito come tale anche dall’aiutato, ha poi generato un complesso di vicende che ha visto una morte tragica.
naturalmente non sto dicendo che non si debba agire con altruismo ma è strano come, almeno in questo film, delle volte le conseguenze sfuggano alla nostra volontà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...